L’IMPORTANZA DI CHIAMARSI MARIO

Immagine

Diciamoci la verità, la vita è davvero già complicata di default. Voglio dire che nel “pacchetto base” che consegnano a tutti noi alla nascita sono già comprese una serie di seccature niente male. Non fosse ciò di per sé sufficiente,  non appena risolvi una situazione ingarbugliata, ce n’è già un’altra , più difficile, che ti aspetta al varco, un po’ come i livelli di Super Mario Bros: più mostri uccidi , più quelli successivi saranno forti e richiederanno astuzie più raffinate. Ora, io ho sempre adorato Super Mario, perché era sicuramente un super eroe – si – ma un super eroe “de noantri”;  Super Mario era un idraulico italoamericano, decisamente bruttino e anche un filo tracagnotto, che – indossando la sua salopette blu  –  ha combattuto in groppa al fido Yoshi e a mani nude i mostri più temibili per liberare la principessa del mondo dei funghi. Insomma, non stiamo mica parlando di Bruce Wayne che, per quanto capace, era pur sempre uomo di potere multi miliardario, decisamente belloccio e con un dispiegamento di “bat-armi” da far impallidire qualsiasi esercito nazionale! Mica pizza e fichi! E invece Super Mario no! Nessuna batmobile, nessun costumino con addominali preformati e maschere da brivido; Super Mario non ha mai indossato panni diversi dai suoi, non ha mai avuto bisogno di un’identità diversa, di un alter ego. Che poi, a pensarci bene, basta il nome: Mario, senza nemmeno un cognome. E vi dirò di più, secondo me se avesse avuto un cognome, come minimo sarebbe stato “Rossi” . Niente Peter Parker o Clark Kent, ma un Mario Rossi qualsiasi, di professione idraulico.

Il punto è che Super Mario, secondo me, non si è mai preso troppo sul serio e, consapevole dei propri limiti, s’è arrangiato come ha potuto, si è attaccato al primo tram che passava ed è arrivato fino al castello di Bowser salvando la principessa Peach. Ecco, forse il suo segreto è tutto li.

Così, in questa giungla quotidiana fatta di Avvocati, Notai, Medici, Dottori, Comandanti, Professori, Presidenti e Giudici mi piace ricordarmi quanto sia importante chiamarsi semplicemente “Mario”.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in RIFLESSIONI e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’IMPORTANZA DI CHIAMARSI MARIO

  1. rosarita88 ha detto:

    Ma io devo seguire assolutamente questo blog! Attaccati al tram è il mio augurio preferito che rivolgo a tante care persone:P

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...